Monte Sirino e i laghi di Ludemio, Zapano e Sirino

Il Monte Sirino e i laghi di Ludemio, Zapano e Sirino sono altri luoghi naturali dove poter trascorrere una o più giornate se siete diretti in Basilicata.

Vediamo cosa offrono.

Monte Sirino

Massiccio montuoso della Basilicata che comprende alcune tra le maggiori vette dell’Appennino meridionale:

  • Monte Papa (2005 m)
  • Cima De Lorenzo (2004 m)
  • Timpa Scazzariddo (1930 m)
  • Monte Sirino (1907 m)

Il Monte Sirino è il luogo ideale per gli amanti della neve e della montagna dove poter fare escursioni in inverno attraverso boschi e prati innevati, ma è possibile anche sciare e slittare. Ideale anche per le famiglie grazie alla presenza di un parco giochi, tutto in una location facile da raggiungere.

Le piste da sci del comprensorio del Monte sono lunghe ben 7 km e per ogni grado di difficoltà, inoltre vengono organizzate anche sciate e slittate serali e notturne.

Inoltre offre anche corsi di sci,  scelta d’itinerari per tutti gli appassionati di bici, alpinismo e ci sono anche aree adibite adibite al campeggio per trascorrere le vacanze a contatto con la natura in tenda, camper o roulotte.

Non mancano poi i tipici rifugi di montagna dove poter pranzare in compagnia.

I laghi di Ludemio, Zapano e Sirino

Nel massiccio del Sirino sono presenti anche i laghi di Ludemio, Zapano e Sirino dalle seguenti caratteristiche:

  • Il lago Remmo o Laudemio, posto ad un’altitudine di 1.525 m, è il lago di origine glaciale più meridionale d’Italia: esteso per poco più di due ettari ed immerso in una fitta ed alta faggeta, il bacino si è formato a seguito dello sbarramento costituito dalla morena frontale di un grande ghiacciaio, che nel Quaternario scendeva per circa quattro chilometri dal lato nord del monte Papa (2.005 m), sino ad arrivare in località Petinachiana. Riconosciuto uno dei più bei laghi della Basilicata alla sua suggestiva vegetazione e alle sue acque limpide.
  • Il lago (o stagno) Zapano lago meno noto ma testimonianza dell’antica esistenza dei ghiaccia. La conca che lo delimita è dovuta alla morena frontale di un secondo ghiacciaio che, incuneandosi nella valle del Cacciatore, scendeva dal lato nord occidentale del monte.
  • Il lago Sirino situato alle pendici del massiccio, un piccolo bacino idrico naturale della Basilicata ad una quota di 788 m e con una superficie di circa cinque ettari (variabile a seconda delle precipitazioni). Tipico lago di sbarramento che assume una forma irregolarmente ellittica. Le acque limpide sono alimentate da una piccola sorgente a monte, dalle piogge abbondanti e da piccoli affioramenti scaturenti dal versante sud occidentale della montagna. Sulle rive del lago stanno sorgendo piccoli negozi commerciali grazie anche alla presenza, lungo il perimetro, di una stradina di 1 km indicata come ciclostrada; nelle immediate vicinanze c’è anche un’area camper.